Home1

Foto-San-Pietro2

Nel cuore del Borgo di San Pietro a Perugia, detto anche il Borgo Bello, in un’atmosfera ancora oggi di pace e serenità, sorge la storica abbazia di San Pietro. Centro di cultura e di spiritualità, il complesso di San Pietro è un luogo che tuttora emana il suo fascino millenario, capace di attrarre i numerosi visitatori che lo frequentano per scoprirne e ammirarne lo straordinario e unico patrimonio di storia e arte che custodisce e rende accessibile, secondo in Umbria solo alla Galleria Nazionale dell’Umbria.
La Basilica con la Sagrestia e la Cripta, il Campanile con la sua guglia protesa verso il cielo, simbolo di Perugia, i tre Chiostri di luminosa fattura, la Scala nuova che conduce al corridoio trecentesco e alle celle e ai dormitori dei monaci, l’antica Aula capitolare e il Refettorio, fino all’Orto medievale, espressione di giardino monastico che include al suo interno importanti elementi storici e architettonici come la vecchia via etrusco-romana e la porta urbica del 1200, insieme alla Biblioteca, all’Archivio, con i loro libri, documenti, codici, manoscritti antichissimi e alla Galleria Tesori d’Arte: uno straordinario scrigno che racchiude meraviglie e misteri che il turista, il visitatore, il curioso potrà svelare rimanendo incantato. Ferdinand Gregorovius nelle sue Passeggiate per l’Italia (1864-1871) scrisse di San Pietro: “la sua chiesa, una bella basilica, con antiche colonne di granito, è ritenuta come la gemma più preziosa della città, ed è un vero museo della pittura umbra. Contiene splendidi quadri del Perugino, di Orazio Alfani, del Doni, dello Spagna e di altri maestri, e preziosissime copie delle opere del Perugino e di Raffaello, eseguite dal Sassoferrato”.
Ma San Pietro è anche il luogo della ricerca scientifica e del trasferimento tecnologico e delle innovazioni nel settore delle scienze agrarie: di proprietà della Fondazione per l’Istruzione Agraria, con il suo complesso architettonico, la splendida Basilica, le opere d’arte, l’archivio storico e i possedimenti delle rocche di Casalina e di Sant’Apollinare, oltre a rappresentare un’importante testimonianza storica e artistica della fervente attività dei Benedettini, che tuttora vi dimorano, è anche il perno di una moderna azienda agraria, ereditata dai monaci e sede del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia, evoluzione moderna della Facoltà di Agraria, e del Centro di Ateneo per i Musei Scientifici. Un’affascinante integrazione, quindi, di Scienza e Arte, con la Scienza che dimora nell’Arte e che il visitatore potrà svelare piano piano.

NEWS